Raffaella Fico contro Balotelli, non ha la frequenza per fare il padre

di Fabiana 126 views0

Ci risiamo. Raffaella Fico torna negli studi di Barbara D’Urso come ospite a Domenica Live e parla del suo lavoro, ma soprattutto della figlia Pia che a dicembre compirà tre anni.

La piccola di casa riesce a portare gioia e serenità in qualsiasi momento della giornata e la ex gieffina non può non parlare anche del suo più famoso ex, Mario Balotelli, padre della piccola Pia.

Tornata single da qualche tempo a questa parte dopo che le nozze con il figlio di Umberto Tozzi sono praticamente saltate all’ultimo momento, la Fico spiega anche di essersi contemporaneamente riavvicinata proprio a Balotelli perché la piccola Pia cresca in un ambiente il più sereno possibile. E sembra che Raffaella in questa occasione abbia scelto di non esporsi troppo mediaticamente cercando di sorvolare il più possibile sul gossip (come aveva fatto in passato).

Potrei dirti tante cose, domani potrebbe essere travisato e tradotto in un altro modo. Non voglio irritare la suscettibilità di nessuno, io con lui devo avere un rapporto sereno per nostra figlia. Se scelgo di non parlare è perché ci sono delle situazioni e per il rispetto di Pia che ci sta guardando.

Ha spiegato alla D’Urso dribblando alcune domande. Almeno fino a certo punto quando non è riuscita a resistere a ha voluto necessariamente togliersi qualche sassolino dalla scarpa.

RAFFAELLA FICO, IDILLIO CON MARIO BALOTELLI E PIA

Per fare il genitore ci vuole frequenza. Esempio, tu fai il tuo lavoro, non lo fai sporadicamente, lo fai tutti i giorni. Io magari mi alleno con frequenza in palestra per avere dei risultati. Però è frequente. Io ti posso dire solo che non c’è frequenza.

Ha detto commentando il ruolo di Balotelli come padre e sparando (quasi) a zero sul suo ex.

photo credits|Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>