Giulio Berruti, sono stato tradito

di Gianni Puglisi 1.396 views0

Anche i belli vengono traditi e Giulio Berruti, uno degli attori italiani più sexy, ne sa qualcosa. Più volte infatti ha dovuto subire qualche torto dalla compagna che aveva a fianco, ma anche lui confessa di non essersi sempre comportato perfettamente nel corso della sua carriera amorosa.

Al settimanale F che lo ha intervistato, Giulio Berruti confessa alcuni aspetti intimi della sua vita sentimentale passata. Oltre ai tradimenti subiti e effettuati, il bell’attore dice anche di essere stato uomo oggetto.

Da ragazzo i fighi erano altri e le mie coetanee guardavano lo stronzetto e l’arrogantello, quelli sensibili come me, che non facevano a botte e se ne stavano tranquilli, non attiravano molto l’attenzione. Ero troppo emotivo, mi buttavo in una storia con due piedi e anche le scarpe prima ancora di conoscere bene una ragazza. Oggi non lo farei. Ho tradito tanti anni fa e il rapporto è finito subito dopo. Ho imparato che è meglio mollarsi prima, anche se io non sono bravo a lasciare una persona. Sono stato anche tradito, ma oggi non lo accetterei più dalla mia donna. Gli errori si fanno, ma poi impari. Bisogna lasciarsi prima. Ora sono un monogamo convinto, cerco un senso di protezione, un’attrazione mentale oltre che fisica

GIULIO BERRUTI, BENVENGA LA CELLULITE

Oggi Giulio Berruti è single, o almeno così lascia intendere visto che afferma:

Ora si prende cura di me la signora Pina, che io chiamo Zia pinella, la proprietaria di un ristorante sotto casa, a Roma, dove mangio quasi tutte le sere. Mi tratta come un figlio, a volte mi scrive ‘Ti ho visto un po’ stanco, ti ho preparato un passato di lenticchie così ti tiri su. I sughi pronti della mamma restano tutti lì, nel freezer, la mia è pigrizia mentale. Non ho tempo di fare la spesa, figuriamoci di lavorare i piatti, quindi mi godo questa vita da single e al massimo mi butto sulla pasta al tonno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>