Uma Thurman, red carpet in solitaria a Venezia 71

di Emma 132 views0

Manie di protagonismo? Crisi dell’ultimo momento? Qualche contrattempo nei tempi di trasferimento o qualche inconveniente di make up all’ultimo momento? Non si sa esattamente che cosa sia accaduto ieri sera a Venezia, ma quel che è certo è che Uma Thurman ha avuto il red carpet serale tutto per sé.

L’attrice, a Venezia 71 per presentare Nymphomaniac Volume II del danese Lars Von Trier (fuori concorso al Festival), ha sfilato praticamente in solitaria sul red carpet conquistando tutta l’attenzione del fotografi e del pubblico. Il resto del cast, compresa la vera e propria protagonista del film, Charlotte Gainsbourg, aveva già calcato il tappeto rosso da un pezzo. Uma invece è arrivata solo alla fine ed era impeccabile con il suo abito grigio e nero con stampe grafiche in perfetto stile anni Cinquanta con gonna a ruota, cintura in vita, minuscolo scollo sandali con cinturino alla caviglia e capelli raccolti.

Pochi mesi fa l’attrice aveva ufficialmente annunciato la fine della relazione con il compagno Arpaud Busson: una storia durata sette anni, coronata dalla nascita di Rosalind nel 2012. Nonostante il fidanzamento le nozze sono saltate all’ultimo momento (per qualche tradimento), per eccessiva distanza (lei abita a New York), lui a Londra e per il lavoro che li avrebbe “logorati” (nemmeno se facessero i turni notturni in fabbrica).

A maggio invece sul red carpet del Festival di Cannes in occasione del ventennale di Pulp Fiction, Uma ha sfilato accanto a Quentin Tarantino e qualche tempo dopo la coppia è stata vista a cena insieme. In passato il regista e la sua musa avevano avuto una storia: si dice anche che Tarantino abbia sempre amato l’attrice e che adesso sia riuscito finalmente a riconquistarla.

PHOTO CREDITS|GETTY IMAGES

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>