Stefano De Martino deriso a Quelli che il calcio

di Eleonora Costa 84 views0

La puntata di ieri pomeriggio di Quelli che il calcio ha visto come ospite niente di meno che Stefano De Martino, fresco sposo di Belen Rodriguez. Il ballerino napoletano, da quando ha intrapreso una storia d’amore con la showgirl argentina, è perennemente al centro del gossip. E ieri è stato un po’ preso in giro dai padroni di casa di Quelli che il calcio.

Prima ci ha pensato Claudio Lippi a dire che ormai Stefano De Martino parla come sua moglie, con evidente accento sudamericano. Poi ci si è messo anche Cristiano Malgioglio a punzecchiarlo: prima gli ha chiesto se si sentisse più famoso come ballerino o come marito di Belen, quindi è passato a qualcosa di più piccante invitandolo a confessare nel caso avesse avuto qualche proposta indecente adesso che fa parte del mondo dello spettacolo.

STEFANO DE MARTINO, SE BELEN MI TRADISSE LA PERDONEREI

Un po’ in difficoltà, forse anche per come si era messa la situazione, Stefano De Martino ha risposto con il sorriso sulle labbra dimostrando di sapersi destreggiare benissimo quando le situazioni cominciano a farsi scomode (e probabilmente, in questo, ha imparato davvero molto proprio dalla moglie Belen Rodriguez).

E proprio per questo, Stefano De Martino ha risposto per le rime a Cristiano Malgioglio: “Se non considero la tua – ha detto col un sorriso sarcastico sulle labbra – direi che no, non ho ricevuto proposte indecenti. Per il resto mi chiamano in televisione perché sono il padre di Santiago“. Una ospitata che ha comunque messo in evidenza il carattere del napoletano che troppo spesso passa in secondo piano vista la presenza ingombrante di Belen Rodriguez. D’altronde l’argentina è in assoluto uno dei personaggi più monitorati dal gossip praticamente da quando è approdata in Italia: esserle al fianco non deve sempre essere così facile…

foto facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>