Chris Martin, un anno di depressione dopo il divorzio da Gwyneth Paltrow

di Fabiana 95 views0

A leggere le dichiarazioni di Gwyneth Paltrow e Chris Martin vien quasi da chiedersi il motivo reale per cui la coppia abbia deciso di divorziare.

Dopo 11 anni d’amore e la nascita di due figli, Apple e Moses, l’attrice e il cantante si sono detti definitivamente addio un paio di anni fa annunciando il “consapevole disaccoppiamento” e lasciando praticamente intendere di aver deciso consensualmente di divorziare rimanendo in ottimi rapporti.

Solo ieri però Martin ha ribadito di aver preso malissimo il divorzio tanto da soffrire di depressione per oltre un anno.

GWYNETH PALTROW, IL DIVORZIO È STATO IL MIO PIU’ GROSSO FALLIMENTO

Ci sono ancora molti giorni in cui mi sveglio e mi sento giù. Ma adesso mi sento meglio, ho trovato gli strumenti per ripartire. Puoi diventare aggressivo e darti la colpa, continuare a incolparti. Oppure puoi mettere te stesso in garage e come si dice “Prendere te stesso, ripulire i pezzi e riassemblare il tutto”. Mi ci è voluto un anno. Di depressione e tutto il resto.

Ha dichiarato il cantante dei Coldplay intervistato dal Sunday Times. Adesso sembra che le cose siano cambiate (in meglio) e che anche lui abbia ripreso in mano le redini della propria vita legandosi sentimentalmente prima a Jennifer Lawrence, poi all’inglese Annabelle Wallis con cui avrebbe una relazione in corso.

CHRIS MARTIN, MAI STATO COSI’ FELICE

Non penso alla parola “divorzio” molto spesso, non lo vedo così.

Ha concluso Martin commentando la fine del matrimonio con Gwyneth Paltrow che se in più di qualche occasione aveva dichiarato di considerare l’ex marito come un fratello, non ha mai nascosto che il divorzio è stato certamente il suo più grande fallimento anche se adesso sembra aver ritrovato la serenità in amore accanto al produttore Brad Falchuk.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>