George Clooney e Amal Alamuddin, il ristorante italiano li lascia fuori

di Emma 52 views0

Anche se sei una star di Hollywood, non è detto che i ristoranti siano sempre disposti ad aprirti le porte. È esattamente quello che è accaduto a George Clooney e alla moglie Amal Alamuddin che in pratica sono rimasti fuori da un ristorante di New York.

Il pettegolezzo arriva dalla stampa americana che getta una luce inedita sui ristoranti della Grande Mela dove esiste una severa lista di prenotazione.

E se non sei in lista, non sei in lista. Sembra infatti che gli assistenti della coppia ddi neo sposi abbiano tentato di effettuare una prenotazione a loro nome presso il prestigioso ristorante italiano Carbone, ma senza successo dato che erano già le 20.30. A rivelarlo è una fonte interna del ristorante che ha spifferato il tutto al New York Daily News: la coppia poi ha tentato di chiedere un altro posto per le 21.30, ma anche stavolta ottenendo un no: la sala era piena e non c’era davvero nulla da fare.

A questo punto la coppia ha incassato il colpo e ha semplicemente rimandato la prenotazione tornando circa un paio di giorni dopo. Insomma nessuna tragedia o nessuna pretesa da parte di Clooney che non ha fatto valere un ipotetico “Lei non sa chi sono io”, frase che in Italia siamo abituati a sentire fin troppo spesso. Solo qualche giorno fa la coppia, che si è sposata a Venezia a settembre con una cerimonia sontuosa, per non dire pacchiana, si è ritrovata al centro delle solite chiacchiere circa una loro presunta crisi di coppia.

GEORGE CLOONEY E AMAL ALAMUDDIN DIVORZIANO?

Secondo alcuni il matrimonio sarebbe già arrivato al capolinea anche se la coppia si è affrettata a smentire le chiacchiere. Quanto meno si dice che Clooney voglia prima entrare in politica.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>