Margherita Zanatta difende Vito Mancini: la gente ci insulta perché abbiamo fatto il Gf

di Ma.Ma. 93 views0

Anche Margherita Zanatta interviene a commentare la notizia del tentato suicidio di Vito Mancini che da giorni monopolizza il gossip: da ex concorrente del Grande Fratello, la varesina si sente di difendere il trentenne calabrese colpevole di avere partecipato ad un reality e dunque subito etichettato da tutta quella gente che si ferma all’apparenza.

Con un lungo post su Facebook, Margherita Zanatta dice di comprendere bene lo stato d’animo di Vito Mancini e si scaglia contro tutte quelle persone che non vanno a fondo e offendono i concorrenti del Grande Fratello solo perché hanno partecipato a un reality.

Tento solo di immaginarmi il caos interiore che possa logorare l’animo di una persona fino a smangiargli le ossa, la testa, il cuore, la voglia di vivere […] Vito Mancini ha una grossa colpa alle spalle: quella di aver partecipato ad un reality show dal nome Grande Fratello. Quella che porta la gente a giudicarti scemo a priori. Quella che ti riempie la posta Facebook di insulti a caso. Quella che spezza il cuore della notte a casa dei tuoi genitori con una chiamata per dire tua figlia deve morire. Quella che fa storcere il naso quando ti presenti ad un colloquio.

VITO MANCINI SCRIVE SU FACEBOOK DOPO IL TENTATO SUICIDIO: QUANTE CATTIVERIE GRATUITE

Margherita Zanatta lascia intendere di avere vissuto lei per prima questa spiacevole situazione quando, una volta uscita dalla casa del Grande fratello, la gente l’ha spesso guidicata a priori senza darle la possibilità di dimostrare quello che poteva valere:

Ci è voluto un anno per passarci sopra. Un anno per capire che quelli sbagliati sono loro, non io. Capire che loro una vita non se la sono riusciti a fare. Loro dal dito puntato e l’insulto in tasca. Loro che pensano di avere la verità in mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>