Carlo Cracco, cosa detesto nei concorrenti di Masterchef

di Fabiana 193 views0

 Sanremo 2014, ma non solo. Ieri sera è andata regolarmente in onda la nuova puntata di Masterchef: fuori Rachida ed Eleonora. Nessuno in realtà sembra essere stato particolarmente dispiaciuto dall’uscita di Rachida: Selvaggia Lucarelli, che nella serata si è divisa fra Sanremo e Masterchef non si è lasciata l’occasione di commentate tutto ironizzando in tempi reali (“Rachida fuori. Allora Allah ci guarda, grazie”).

A congedare Rachida dalla cucina di Mastechef è stato Carlo Cracco, forse il più amato fra i giudici del talent culinario, che continua a destare sempre maggiore interesse presso il gentil sesso… recentemente intervistato da Grazia, Carlo Cracco ha svelato il motivo per cui ha cominciato a cucinare. “Da bambino avevo sempre una fame boia – spiega Cracco – Allora in famiglia mi dissero: “Visto che ti piace mangiare, perché non impari a cucinare?”. E così è stato. L’incontro con la cucina è stato folgorante: per Cracco cucinare è come ascoltare musica, rilassarsi, pensare e ritrovare sé stesso. L’affascinante chef svela anche il suo rapporto con il cibo spiegando che a tavola cerca di trattenersi e di non cedere a cose inutili, ma di mangiare solo cose che valgano davvero…

CARLO CRACCO DIVENTA PAPA’ PER LA SECONDA VOLTA

Insomma bello, affascinante e inflessibile: Cracco ammette “candidamente” di non essere un tipo facile. “Quando mi parte la brocca sono così, non posso farci nulla… – ammette – In televisione cerco di essere sempre me stesso. Quando urlo, quando sono serio, quando sto zitto”. Il peggiore difetto che detesta nei concorrenti resta invece l’ignoranza, la scarsa cultura e la mancanza di amore per quello che si fa…

Inflessibile a lavoro, ma tenerissimo a casa: di recente Cracco ha annunciato che sta per diventare padre per la quarta volta. La compagna Rosa aspetta un bambino che nascerà a Luglio: la coppia ha già un figlio, Pietro che ha poco più di un anno e Cracco ha due figlie, Sveva e Irene nate dal suo precedente matrimonio.

foto Vanity Fair

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>