Fabrizio Corona sotto psicofarmaci in carcere, le parole di don Mazzi

di Ma.Ma. 101 views0

Fabrizio Corona è ancora in carcere e tanti altri anni dovrà starci. L’ex re dei paparazzi è infatti stato condannato alla pena di sette anni e spiccioli per i reati di truffa ed estorsione. Ma secondo le parole di don Mazzi, che lo sta seguendo in questo lungo periodo di reclusione, Fabrizio Corona sarebbe depresso.

Tanto da non voler ricevere più le visite di nessuno in carcere. In una intervista mandata in onda da Verissimo, il programma rotocalco di canale 5 condotto da Silvia Toffanin, dn Mazzi ha riferito che Fabrizio Corona sta male ed è molto giù di tono: prende psicofarmaci, ha voluto che sua madre non andasse più in carcere a trovarlo e si sarebbe tenuto in contatto, nell’ultimo periodo, solamente con il fratello Federico.

Secondo il popolare parroco, la prigione non farebbe proprio al caso di Fabrizio Corona: non che lo stare dietro alle sbarre faccia al caso di qualcuno ma la pena cominata all’ex re dei paparazzi sarebbe troppo dura anche per uno “duro” come lui. E così l’ex di Belen Rodriguez si sarebbe chiuso in un silenzio che desta più di una preoccupazione: non farebbe altro che leggere, pregare e trascorrere il suo tempo in palestra ma avrebbe perso quella voglia di combattere che invece lo ha sempre accompagnato in tutti questi anni.

Insomma il quadretto rilasciato da don Mazzi non farebbe ben sperare per le sorti di Fabrizio Corona che, a quanto pare, ancora non avrebbe visto nemmeno il figlio Carlos, avuto dalla relazione con Nina Moric. Che sabato pomeriggio, anche lei ospite di Verissimo, si è molto arrabbiata con Silvia Toffanin che ha provato a strapargli qualche cosa sull’ex marito: “Non ho capito perché inviti me per parlare di lui”, ha detto risentita la modella croata che ha poi aggiunto di non volere più parlare del padre di suo figlio.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>