Stefano De Martino parla di Santiago e Belen si commuove

di Redazione 1.903 views0

A Selfie – Le cose cambiano, Stefano De Martino e Belen Rodriguez si sono incontrati di nuovo – solo professionalmente sia chiaro – cercando di mettere da parte le liti e le acrimonie che hanno seguito la loro separazione ufficiale. La puntata di ieri sera però ha regalato agli spettatori un momento di commozione che ha interessato in particolar modo Belen e Stefano.

> STEFANO DE MARTINO, IO E BELEN LITIGHIAMO MENO DI PRIMA

Stefano, in qualità di mentore, ha seguito la storia di Lorenzo, ragazzo di 20 anni, che aveva un problema alla palpebra dell’occhio sinistro, calante dalla nascita. Il difetto estetico era stato per anni motivo di derisione e quindi anche di insicurezza per Lorenzo che per questo motivo ha deciso di affidarsi a Selfie.

> SIMONA VENTURA, ECCO COSA PENSO DI BELEN RODRIGUEZ

In studio abbiamo assistito alla trasformazione fisica di Lorenzo ma anche alla riconciliazione con il padre, con quale aveva avuto alcune incomprensioni. Proprio a proposito del rapporto tra padre e figlio si è espresso Stefano:

Non perdete altro tempo. Nella mia vita il rapporto più bello che ho è quello con mio figlio, che è una cosa che mi riempie la vita tutti i giorni. Fare il padre e la madre non è semplice, molte volte uno dei due deve essere quello un po’ più duro, però non può non amarti. Sono sicuro che tuo padre ti ama tanto, dovete solo trovare la via giusta per condividere tutto e recuperare il tempo che avete perso.

> SELFIE-LE COSE CAMBIANO, BELEN RODRIGUEZ: VOLEVO RINUNCIARE PER NON RIACCENDERE IL GOSSIP

Moltissima la commozione in studio, perfino Simona Ventura aveva gli occhi lucidi, ma la telecamera pizzica Belen Rodriguez che si asciuga le lacrime alle parole di Stefano nei confronti di loro figlio. Insomma, sembra che il rancore e la rabbia abbiano lasciato il posto alla comune gioia di essere genitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>