Valeria Marini, la separazione da Cottone non è un caso

di Eleonora Costa 75 views0

A distanza di qualche mese dalla chiacchierata separazione dal marito Giovanni Cottone, che per mesi ha riempito le pagine delle principali riviste di gossip, Valeria Marini torna a parlare della sua vita privata, riferendosi anche all’ex marito e alla rottura avvenuta in tempi record (nemmeno dodici mesi dopo il tanto atteso sì, pronunciato davanti a centinaia di invitati).

E, proprio in riferimento alla separazione da Giovanni Cottone, Valeria Marini si mostra piuttosto serena: afferma che niente succede per caso e che se le cose sono andate così è perché così dovevano andare. Ecco le parole della showgirl sarda al settimanale Chi, diretto dal suo amico del cuore Alfonso Signorini.

Non sempre le separazioni debbono essere vissute con dolore e con sofferenza. Sono sempre stata convinta che nella vita nulla accada per caso: c’è un disegno preciso e se le cose accadono è perché così doveva andare. Sono convinta che solamente con la serenità interiore possiamo capirne le sfumature

GIOVANNI COTTONE, FRECCIATINA A VALERIA MARINI

Un modo filosofico, dunque, di accettare il cambiamento repentino della sua vita che l’ha portata nel giro di pochi mesi a essere nuovamente single. Ma Valeria Marini ci ha messo poco a ritrovare il sorriso: il fortunato è l’amico Antonio Brosio, promosso a nuovo compagno. La showgirl però ci va piano:

La mia serenità non vive per questa o per quella persona: è un percorso interiore, una ricerca personale che oggi mi permette di sorridere e regalare un abbraccio sincero. Ho sempre cercato di vivere il mio privato come privato e oggi, dopo tutto quello che è successo, ancora di più. Sto solamente cercando di evitare intromissioni nei miei affetti

Photo Credits | Valeria Marini Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>