Martina Stella, non puoi decidere di chi innamorarti

di Fabiana 156 views0

L’amore arriva inaspettato e ingestibile. Parola di Martina Stella che sembra aver ritrovato il sorriso accanto al fidanzato, il procuratore sportivo Andrea Manfredonia.

La loro relazione va avanti già da qualche mese a questa parte, ma solo poche settimane fa hanno deciso di uscire allo scoperto ufficializzando la loro storia con una foto che li ritrae insieme su Instagram mettendo fine al gossip.

L’amore arriva inaspettato e ingestibile, non puoi decidere a tavolino di chi innamorarti, devi farti sorprendere, perciò capita anche di sbagliare e non andare d’accordo, Io, poi, mi lascio andare, tendo a raccontarmi molto, non trattengo le emozioni, sono trasparente.

Ha rivelato l’attrice intervistata dal settimanale F facendo un po’ un bilancio sentimentale delle sue esperienze. Da sempre restia al gossip, Martina Stella, che annovera fra i suoi ex anche Valentino Rossi, Lapo Elkann e Primo Reggiani, solo qualche tempo fa aveva smentito anche le voci che l’avrebbero vista essere la nuova fiamma del principe Harry.

MARTINA STELLA E ANDREA MANFREDONIA UFFICIALIZZANO LA RELAZIONE

E se adesso l’attrice ha ritrovato anche il sorriso accanto al nuovo compagno, il vero amore della sua vita resta la figlia Ginevra, tre anni, nata dalla relazione con Gabriele Gregorini. Proprio con Gregorini, conosciuto sul set di Tutte pazze per amore, la Stella aveva anche progettato le nozze, ma alla fine la coppia è scoppiata.

L’attrice però è riuscita a voltare pagina per dedicarsi alla famiglia e al lavoro senza perdere mai di vista il contatto con i suoi fans. Solo pochi giorni fa l’attrice ha mandato in visibilio i suoi followers pubblicando gli scatti da un backstage di intimo che la vede protagonista.

Photo Credits | INSTAGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>