Ilaria D’Amico e l’evasione fiscale, sono stata truffata dal commercialista

di Fabiana 85 views0

Guai in vista per Ilaria D’Amico: la giornalista Sky, attuale compagna di Gigi Buffon, è indagata a Roma per violazione della legge tributaria.

In pratica, secondo i pm della capitale, avrebbe evaso l’Irpef tra il 2009 e il 2011 per una cifra di circa 400 mila euro. La notizia è stata divulgata adesso in base alle indagini della polizia tributaria della Guardia di Finanza di Milano partite nel giugno del 2013.

Carlo Longari, legale di Ilaria D’Amico però spiega come stanno le cose.

Si tratterebbe di un’errata contabilizzazione di costi inerenti la propria attività professionale. È da escludersi qualsiasi volontà di frodare il Fisco da parte della mia assistita che, al contrario, sta collaborando con la Guardia di Finanza.

E anche la giornalista Sky si dissocia da quanto accaduto.

Sono stata truffata dal mio commercialista, l’ho già denunciato
Ha dichiarato interpellata da Il fatto quotidiano. E anche secondo il legale della giornalista avrebbe immediatamente denunciato per truffa l’ex (fidato) commercialista di famiglia.

Quel che è certo è che l’indagine, passata da Milano a Roma, prosegue e la D’Amico sarà presto convocata dai pubblici ministeri di piazzale Clodio e e sarà costretta a interrompere le vacanze che sta trascorrendo insieme al compagno.

ILARIA D’AMICO, PRIME FOTO CON IL PANCIONE

Una tegola inaspettata per la giornalista che si gode i primi mesi di gravidanza: nonostante non siano ancora arrivate conferme, la giornalista è stata paparazzata in vacanza con il copricostume e poi in bikini mostrando le prime rotondità della gravidanza. Per Ilaria D’Amico si tratta del secondo figlio, dopo la nascita di Pietro, nato dalla relazione con il suo ex Rocco Attisani mentre per Buffon si tratta della terza paternità dopo la nascita dei due figli nati dal matrimonio con la sua ex moglie Alena Seredova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>