Ilaria D’Amico, con Buffon un colpo di fulmine

di Fabiana 1.721 views0

E colpo di fulmine fu. Ilaria D’Amico racconta l’inizio della sua storia d’amore con Gianluigi Buffon illustrando qualche dettaglio in più su chi continua a chiedersi come possa funzionare la storia fra la giornalista Sky e il portiere Azzurro.

Dalle diffidenze iniziali alla cena decisiva, rivela tutto anche sulla brevissima clandestinità della sua storia.

Colpo di fulmine. Qualcuno pensava che la storia d’amore con fosse improbabile? Me lo sono detta anch’io: “È impossibile”. Subivo lo stereotipo del calciatore. Un po’ per preconcetto, un po’ perché a volte i calciatori ci mettono del loro. Gigi per me era una commistione indefinita tra il campione di cui conoscevo le gesta e l’immaturo, se non il fascista che una volta, a Parma, aveva indossato una maglietta con la scritta “Boia chi molla”. Con certi eroi nazionalpopolari capita sempre così. La caz*ata che fai da ragazzo nel tempo assume una dimensione che, soprattutto se sei riservato e non ti racconti, tende a farti rimanere sempre uguale nel corso degli anni.

Ha raccontato la D’Amico intervistata da Vanity Fair svelando che le cose sono cambiate poco dopo: tutto merito di una cena per una onlus in cui la futura coppia ha avuto l’occasione di potersi parlare: è lì che è scoccato il colpo di fulmine quando la D’Amico ha scoperto il Buffon a tutto tondo che l’ha fatta innamorare.

ILARIA D’AMICO E GIGI BUFFON, PASSEGGIATA CON LA FAMIGLIA ALLARGATA

La clandestinità della storia è durata pochissimo, solo tre mesi: per loro è stato decisivo incontrarsi quando entrambi stavano attraversando un una crisi profonda che in qualche modo li ha uniti. E se già si vocifera di nozze dopo gli Europei, la giornalista si gode la famiglia allargata dopo la nascita di Leopoldo Mattia, primo figlio nato dalla relazione con Buffon e che si aggiunge ai due figli che il portiere ha avuto con la ex moglie, Alena Seredova e il primogenito che ha avuto dalla relazione con l’ex Rocco Attisani.

photo credits| gett images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>