Valeria Marini e Giovanni Cottone, matrimonio annullato dalla Sacra Rota

di Emma 95 views0

Era il 5 maggio 2013 quando Valeria Marini convolava a nozze con l’imprenditore Giovanni Cottone nella basilica dell’Ara Coeli di Roma: una cerimonia sontuosa e pure un po’ pacchiana, paparazzatissima anche a causa dell’elevato tasso di presenza di vip, starlette e personaggi più o meno noti del mondo dello spettacolo e della politica.


Poco dopo le nozze però erano cominciati i problemi tanto che la Marini e Cottone si sono separati: la favola è finita subito e la showgirl ha addirittura chiesto l’annullamento delle nozze alla Sacra Rota adducendo come motivo il fatto che il matrimonio non fosse stato consumato.

Ma le nozze ora sono state davvero annullate dalla Sacra Rota, ma perché Cottone in realtà era già sposato in chiesa con un’altra donna da cui ha auto due figli.

VALERIA MARINI, LA SEPARAZIONE DA COTTONE NON È UN CASO

Assistita dall’avvocato Laura Sgrò, Valeria Marini ha ottenuto la sentenza di annullamento delle nozze dalla Sacra Rota e potrà decidere anche di sposarsi nuovamente in chiesa, magari con la sua ultima fiamma.

È la fine di un incubo, ero a conoscenza dell’esistenza di un matrimonio civile celebrato dal Cottone, ma non sapevo nulla di questo precedente matrimonio.
Ha detto la showgirl che ha aggiunto.

Sono stata ingannata in tutto, anche davanti a Dio! Sono stata ferita nel profondo dei miei valori di donna credente cattolica. La fede, nella mia vita, è sempre stata un punto fondamentale. Ora, finalmente, ho avuto giustizia e sono serena; sono pronta a ricominciare. Dopo tante ingiustizie e falsità, ho ritrovato la serenità e la gioia di vivere con il sorriso.

E domani sera, la showgirl è già pronta a festeggiare la ritrovata serenità raccontando la sua vicenda come ospite a Porta a porta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>